Climate Action Week: la settimana per la salvaguardia del clima


In concomitanza del Climate Action Summit, svoltosi il 23 settembre a New York, in tutto il mondo si tiene una settimana di scioperi e manifestazioni per protestare contro il cambiamento climatico e soprattutto per chiedere misure sostenibili che possano offrire un futuro migliore.

di Simone Di Sabatino

Condividi sui social network


sostenibilità

Greta Thunberg ormai rimbalza su tutti i telegiornali e quotidiani. Il suo nome è noto e la sua battaglia è stata condivisa da centinaia di migliaia di attivisti e cittadini che credono in un futuro sostenibile. Lo scorso 23 settembre, a New York, si è tenuto il Climate Action Summit, un meeting delle Nazioni Unite nel quale erano presenti i leader di numerosi governi mondiali, per fare il punto sulla situazione del cambiamento climatico nel nostro Pianeta e sulle politiche adottate. Proprio in concomitanza con questo evento è stata indetta la Climate Action Week, una settimana di scioperi e manifestazioni a sostegno del clima alla quale hanno aderito più di 150 paesi in tutto il mondo.
Una manifestazione globale dunque per chiedere a gran voce misure per la salvaguardia della Terra, sempre più fiaccata da politiche sconsiderate che producono emissioni nocive e un cambiamento climatico ormai sotto gli occhi di tutti. Inquinamento, incendi, alluvioni, uragani, piogge torrenziali: la Terra ci mostra quotidianamente il conto e la sua debolezza di fronte alla nostra cecità, alla nostra difficoltà di guardare al futuro con speranza.
Portavoce dell’insoddisfazione di molti è stata ancora una volta Greta Thunberg, la paladina del movimento FridaysforFuture. A New York, davanti ai potenti del mondo tra cui Donald Trump, Greta si è resa protagonista di una invettiva contro le attuali politiche ambientali, ritenute ancora troppo poco efficaci. Ci sono “persone che soffrono e muoiono. Interi ecosistemi stanno collassando. Siamo all’inizio di un’estinzione di massa e voi parlate solo di soldi e delle favole dell’eterna crescita economica. Come osate?” ha detto Greta. “Il mio messaggio è che vi terremo d’occhio. Tutto questo è sbagliato. Io non dovrei essere qui. Dovrei essere a scuola, dall’altra parte dell’oceano. Eppure venite da noi giovani a parlare di speranza? Come osate! Mi avete rubato i sogni e l’infanzia con le vostre parole vuote”. Parole che tuonano con forza e che rimbombano in tutta la sala, trovando l’applauso di alcuni dei presenti. E dopo aver affrontato nei dettagli le percentuali di emissioni e le probabilità di arginare il cambiamento climatico, Greta ha concluso così: “Ci state deludendo. Ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento. Gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi. E se scegliete di deluderci, vi dico che non vi perdoneremo mai. Non ve la faremo passare liscia. Qui, ora, è dove tracciamo questa linea. Il mondo si sta svegliando. E il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”. Di seguito il discorso di Greta:

La battaglia per un futuro migliore non è che appena iniziata. Inaugurata il 20 settembre, la Climate Action Week durerà fino a venerdì 27 con manifestazioni in tutto il mondo. E proprio il 27 è atteso il Global Strike for Future, uno sciopero mondiale per il clima organizzato dal movimento FridaysforFuture. Il pericolo è quello di ritrovarsi, tra circa 50-60 anni, con un Pianeta molto diverso da quello che stiamo vivendo ora: irrimediabilmente inquinato, ingiusto, povero, inabitabile e che avrà perso bellezze di valore inestimabile come la barriera corallina, le foreste e i boschi, oltre a numerose razze di animali. Saranno i giovani di oggi a pagare in maniera più salata il prezzo di politiche ingiuste e per nulla sostenibili se non si agisce subito.
La svolta è possibile solo se i potenti e i ricchi del Pianeta virano subito sulle fonti di energia sostenibile abbandonando i combustibili fossili, solo se la politica mondiale affronta di petto questa crisi ambientale. Stiamo rendendo la nostra Terra un posto peggiore, molto peggiore di quello che abbiamo trovato. È compito di tutti fare qualcosa per migliorare la qualità della vita di tutti. Nessun animale distrugge il nido che abita, l’uomo sì. Bisogna cambiare rotta, subito.

Fonti

 

Foto da Flickr


Condividi sui social network




SEGUICI SUI SOCIAL

© 2019 Search On Media Group S.r.l.. Tutti i diritti riservati.
Sede Legale e Operativa: via dei Mille 3 - 40121 Bologna
PIVA 02418200800 - Capitale sociale 10.000€
Tel: 051 09 51 294 - Email: info@searchon.it
Privacy - Termini e condizioni