Dark Pattern e Privacy: come la storia e il GDPR hanno cambiato il modo di "manipolare" l'utente

Paola Bisogno
Paola Bisogno

Parlare di Dark Pattern nuoce gravemente alla salute di noi designer.


Eppure viviamo in un mondo, seppur virtuale, che ci immerge quotidianamente in questi trucchetti atti a manipolare l'esperienza utente: quando prenotiamo un viaggio, quando leggiamo un articolo o banalmente navighiamo tra un sito e l'altro.

Azioni semplici e quotidiane che espongono noi, utenti, al rischio di eseguire operazioni o prendere decisioni che in realtà non vogliamo.
Ma qual è la situazione attuale dei Dark Pattern? L'introduzione di cambiamenti radicali nel preservare la privacy dell'utente, come il GDPR, e la maggiore consapevolezza che l'utente ha quando naviga, hanno in qualche modo plasmato e modificato queste tecniche "oscure"?
Faremo due chiacchiere per approfondire cosa sono i Dark Pattern, come si sono evoluti nella storia e in che modo la loro sopravvivenza è perennemente messa a repentaglio dalla naturale evoluzione del web.

21 NOVEMBRE
11:15 - 11:45
UX e Web Design

Altri interventi nella sala UX e Web Design


Alessandro

Il Futuro dell'Interazione

Alessandro Galetto
Sketchin
Silvia

Service design per prodotti digitali migliori

Silvia Podestà
Linea Atc - All Things Communicate
16 - 17 - 18 GIUGNO 2022 /
Rimini Fiera

Il più grande Festival sull'Innovazione Digitale e Sociale


Offerte attive
  WMF2022


Vuoi rimanere aggiornato
sull'edizione 2022?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!






SEGUICI SUI SOCIAL

© 2021 Search On Media Group S.r.l.. Tutti i diritti riservati.
Sede Legale e Operativa: via dei Mille 3 - 40121 Bologna
PIVA 02418200800 - Capitale sociale 10.000€
Tel: 051 09 51 294 - Email: info@searchon.it
Privacy - Termini e condizioni